L'associazione

organi



VERSO IL CONVEGNO
PSICOANALISI E NUOVE FAMIGLIE
1º incontro
11 Giugno 2016

Auditorium Ente Cassa di Risparmio di Firenze
Via Folco Portinari 5 – Firenze


Programma:
Mattina
Moderatore: GIANNI GUASTO

9,00 SIBILLA ABRAMI Le nuove famiglie oggi: evoluzione degli affetti e dei legami interni
9,45 ROBERTO CUTAJAR Lo sviluppo del bambino nella famiglia omogenitoriale: elementi per la
conoscenza psicologica e psicoanalitica
10:30 Intervallo
11,00 NICOLETTA CALENZO La cura dell’ambiente affettivo interno ed esterno del bambino adottivo
come prerequisito di un “buon incontro”
11,45 Discussione

Pomeriggio
Moderatore: ALIDA CRESTI
14,30 GIANNI GUASTO, RUDI LUCINI Cesure, dissociazioni e protezione orfica nell’esperienza adottiva
15,15 IVANA DE BONO Verso e oltre l’adozione
16,00 ORNELLA PICCINI Il luogo delle origini
16,45 Discussione
17,30 Conclusione

Segreteria Organizzativa:
Istituto di Psicoterapia Analitica Associazione Culturale Sándor Ferenczi
Via G.B. Amici, 17
50131 Firenze Tel/Fax 055/574213
e-mail: info@ipasullivan.it
sito web: www.ipasullivan.it
Limitato a 100 posti

Il convegno è dedicato alle tematiche psicologiche e psicoanalitiche relative allo sviluppo del bambino che
cresce in una famiglia omogenitoriale e più in generale del bambino adottato. La giornata costituisce una prima
tappa di una riflessione psicoanalitica più ampia sull’argomento delle nuove famiglie. Infatti, nel corso
dell’ultimo secolo il concetto di famiglia si è evoluto a partire dalla famiglia patriarcale, con più generazioni che
convivevano sotto lo stesso tetto, a quella nucleare (strettamente limitata a genitori e figli) fino a giungere al
momento attuale che ha visto aggiungersi le famiglie allargate (due nuclei familiari uniti in un’unica grande
famiglia) le famiglie ricostituite non coniugate (monogenitoriali), le famiglie divise ma non riscostituite (dove i
bambini vivono affettivamente in due mondi affettivi paralleli spesso non comunicanti), le famiglie
omogenitoriali. Quale contributo può recare la psicoanalisi alla conoscenza dei legami affettivi in queste
situazioni familiari? Di contro, queste situazioni stimolano una riflessione su un ampliamento dei concetti con
cui la psicoanalisi ha contribuito a comprendere lo sviluppo affettivo del bambino? Al di là delle opinioni
personali sulla questione delle adozioni, non v’è alcun dubbio che una conoscenza psicologica e psicoanalitica
più articolata ed approfondita è necessaria per quegli psicologi e psicoanalisti che si trovano e si troveranno ad
aiutare i bambini che crescono nelle nuove famiglie

ISCRIZIONE OBBLIGATORIA da effettuarsi compilando il form sul sito www.ipasullivan.it e con bonifico anticipato
intestato a IPA Istituto di Psicoterapia Analitica utilizzando le coordinate bancarie europee (IBAN)
IT80G0103002858000000043001 - causale: partecipazione al convegno dell’11 giugno e nome della persona
iscritta e partecipante

Costi di iscrizione:

20 euro compresa iva (esterni, soci IPA, SIPI e Ferenczi) € 20,00

Gratis allievi Istituto Psicoterapia Analitica (IPA) e studenti universitari iscritti ai corsi di Laurea di Psicologia
e Medicina e Chirurgia (è richiesta l’esibizione del libretto universitario al momento della registrazione)

L’ISCRIZIONE E’ OBBLIGATORIA PER TUTTI I PARTECIPANTI.
RELATORI

GIANNI GUASTO: segretario dell’Associazione Culturale Sándor Ferenczi e analista ordinario della Società Italiana
di Psicoanalisi Interpersonale
ROBERTO CUTAJAR: direttore dell’Istituto di Psicoterapia Analitica (IPA) e analista ordinario della Società Italiana
di Psicoanalisi Interpersonale
SIBILLA ABRAMI: analista ordinario della Società Italiana di Psicoanalisi Interpersonale
NICOLETTA CALENZO: analista ordinario della Società Italiana di Psicoanalisi Interpersonale
ALIDA CRESTI: analista con funzioni di training e supervisione dell’IPA e vice-presidente della Società Italiana di
Psicoanalisi Interpersonale
RUDI LUCINI: membro dell’Associazione Culturale Sándor Ferenczi
IVANA DE BONO: membro dell’Associazione Culturale Sándor Ferenczi
ORNELLA PICCINI: membro dell’Associazione Culturale Sándor Ferenczi